Milly Carlucci non invecchia mai: la sua pelle di porcellana nasconde un segreto

Vi siete mai domandati come mai Milly Carlucci ha sempre la pelle chiarissima? Ecco il segreto della conduttrice.

Milly Carlucci malattia sole
Milly Carlucci, 2016 – Fonte: Getty Images

Milly Carlucci è una conduttrice di grande successo con una carriera di tutto rispetto alle spalle e 67 anni portati benissimo. Milly infatti ha una forma invidiabile per la sua età ed anche il suo viso, probabilmente aiutato da qualche ritocchino, non sembra mostrare il passare del tempo.

Complice della sua bellezza giovanile forse anche la sua pelle diafana e chiarissima. I più attenti si saranno resi conto forse di non aver mai visto Milly Carlucci abbronzata, ma piuttosto sempre molto pallida, con una tintarella di luna si direbbe.

Il motivo di questa sua caratteristica è in realtà una malattia molto rara che colpisce appena 5 persone su 1 milione. La conduttrice è affetta da EPP-protoporfiria eritropoietica, meglio nota come la malattia del sole e ciò le impedisce assolutamente, in qual si voglia stagione, di crogiolarsi sotto i raggi in cerca dell’abbronzatura perfetta.

LEGGI ANCHE >> Giulia Salemi, la rivelazione che fa impazzire i fan: in arrivo grandi novità

I segreti di Milly

La malattia da cui Milly Carlucci è affetta è dovuta ad un difetto nella produzione dell’emoglobina che porta ad avere una pelle estremamente fotosensibile; se un soggetto malato si espone alla luce solare si riempie di macchie e può provare anche dolori molto forti. L’unico modo per evitare il peggio è una usare costantemente una crema solare a schermo totale. Milly Carlucci si è accorta del suo disturbo durante una gita in barca, quando la sua pelle aveva iniziato a rimepirsi di macchie; chiamando subito il dermatologo le venne diagnosticata la patologia.

LEGGI ANCHE >> Alessia Marcuzzi, stop improvviso e nuova avventura: il sogno si avvera?

Durante un’intervista di qualche tempo fa, la Carlucci ha raccontato le difficoltà legate alla sua malattia , spiegando le precauzioni che usa per proteggersi dalla luce sorale per lei tanto dannosa: “Da maggio a settembre evito di stare al sole e indosso sempre cappelli a falde larghe, occhiali scuri che coprano completamente gli occhi, magliette a maniche lunghe e pantaloni di cotone fino alla caviglia sia al mare che in montagna, dove per l’alta quota i raggi solari sono molto forti e nocivi. In città senza protezione solare totale non potrei nemmeno uscire di casa”.