Amici 20, Anna Pettinelli non ci sta: alza la voce in difesa dei suoi ragazzi

Anna Pettinelli è un’appassionata insegnante nella scuola di Amici e si fa sentire all’ora di difendere i propri ragazzi.

Anna Pettinelli Amici giovani
Anna Pettinelli – Fonte: Instagram

Amici di Maria De Filippi è giunto alla sua ventesima edizione e dal 20 marzo ha avuto inizio la fase del serale, ovvero le puntate in prima serata su Canale 5, che tra ospiti e polemiche, riscuotono sempre un grandissimo successo.

Effettivamente quest’anno Amici si contraddistingue per le numerose discussioni scoppiate tra i vari insegnanti. Ad infiammare gli animi quest’anno non sono solo i giudizi della mitica Alessandra Celentano, ma anche i disaccordi tra Rudy Zerbi ed Anna Pettinelli, dall’anno scorso nuova insegnante di canto della scuola.

La Pettinelli, in un’intervista per Tele Sette, ha parlato del suo ruolo all’interno del programma ed essendo ormai da due anni impegnata a formare le nuove generazioni, ha voluto anche spezzare una lancia in favore dei giovani d’oggi.

LEGGI ANCHE >> Moser, è saltato tutto: fan delusi

Anna Pettinelli ed i giovani allievi

La Pettinelli ha preso molto seriamente il proprio ruolo di insegnante e, pur ritenendo molto importante la disciplina, si impegna sempre a dosarla con una buona quantità di comprensione; quest’anno, con un numero minore di allievi, è anche determinata a concedergli più tempo per dimostrare chi sono. Per il metodo di formazione molto diverso, Anna si trova spesso in disaccordo anche con un’altra insegnante, Arisa; la cantante secondo lei è troppo buona e poco improntata alla meritocrazia. A questo proposito ha dichiarato: “È normale affezionarsi ai ragazzi, ma dobbiamo essere determinati e seri e non alimentare false speranze”.

LEGGI ANCHE >> Enock Balotelli, la rabbia ancora non passa: adesso è una furia

D’altra parte la Pettinelli non sopporta nemmeno le persone che demoliscono i giovani d’oggi facendo di tutta l’erba un fascio: “Non sopporto la gente che generalizza. Quelli che criticano i giovani di oggi descrivendoli come senza ideali. Vanno capiti, non condannati a prescindere”. Oltre le discussioni e le polemiche, sembra che il suo ruolo d’insegnante la stia in realtà riempiendo di soddisfazioni e che la sua visione dei giovani sia del tutto diversa da quelle oggi comune tra gli adulti. “Vederli impegnarsi e lavorare è come bere un elisir. Sono un tonico per nutrire l’anima”, ha spiegato Anna.