Maurizio Costanzo svela la chicca su Can Yaman: non ci si può nascondere

Maurizio Costanzo ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato anche della carriera dell’attore Can Yaman, svelando una chicca inaspettata.

maurizio costanzo can yaman intervista carriera successo
L’attore Can Yaman (Instagram)

La soap opera Daydreamer – Le ali del sogno è sicuramente uno dei programmi più seguiti del panorama televisivo di Mediaset. Lo sceneggiato televisivo turco infatti ha catturato un grandissimo successo di pubblico, tanto da attirare l’attenzione del conduttore Maurizio Costanzo. L’uomo in un’intervista ha voluto parlare della famosa serie televisiva, dando la sua opinione sulle ragioni del suo successo.

Secondo Costanzo infatti alla base del grande successo di pubblico ci sarebbe, oltre alla trama, anche la presenza dell’attore Can Yaman. Il giovane attore turco infatti ha conquistato il pubblico con il suo aspetto fisico decisamente avvenente, oltre che con il suo talento nella recitazione. Nell’articolo Maurizio Costanzo chiarisce bene questo aspetto del successo di Can Yaman, che si riflette anche sul successo delle opere a cui prende parte.

LEGGI ANCHE >>> Dayane Mello, sta per succedere: tutto pronto per l’incontro tanto atteso

Maurizio Costanzo parla di Can Yaman e Daydreamer: “Se ne faccia una ragione”

maurizio costanzo can yaman intervista carriera successo
Il conduttore Maurizio Costanzo (Getty Images)

L’intervista di Maurizio Costanzo su Nuovo TV non ha parlato solo del successo di Can Yaman, ma anche della serie TV di cui è il protagonistaDaydreamer – Le ali del sogno infatti è uno degli sceneggiati più seguiti di Mediaset, tanto che il network ha deciso di “importare” altri due titoli del paese. Rispondendo ad una lettrice del settimanale, che lamentava l’assenza di grandi sceneggiati prodotti in Italia, Costanzo ha voluto esprimere chiaramente la sua opinione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Non sono mai stata così male”: Anna Tatangelo, un dramma che le ha segnato la vita

Il conduttore infatti ha spiegato che secondo lui la televisione italiana sarebbe più invogliata ad importare serie TV dall’estero visto il costo più ridotto. Girare uno sceneggiato comporta delle spese molto più alte della “semplice” traduzione e doppiaggio di un prodotto già pronto. Per questo motivo è probabile che il numero degli sceneggiati girati all’estero sia destinato ad aumentare negli anni. L’intervista si chiude con un invito del conduttore alla lettrice: “Se ne faccia una ragione e si goda le sue serie preferite“.