“Ho paura di fargli mancare qualcosa”: lacrime notturne all’Isola dei famosi, pianto inconsolabile

Una naufraga si sfoga con Ilary Blasi, l’esperienza sull’isola dell’Honduras non è facile, i mostri interiori tornano a galla, c’è tanto tempo per riflettere

Valentina Persia e Francesca Lodo
Valentina Persia e Francesca Lodo (Instagram)

L’Isola dei Famosi entra nella terza settimana. Il reality dell’Honduras diretto da Ilary Blasi è al top degli ascolti di seconda serata. Mediaset considera di farlo durare fino all’inizio dell’estate. Per i naufraghi sono ormai una ventina di giorni che vanno avanti le sfide, non è sempre facile rimanere con i nervi saldi.

A perdere la calma durante la puntata di ieri è proprio Valentina Persia. La comica dal carattere forte ha avuto un crollo emotivo chiacchierando con Ilary. La conduttrice ha cercato di farle forza dagli studi di Mediaset, ma la donna non è riuscita a trattenere il pianto.

Tra le lacrime ha spiegato che cosa l’affliggeva. Il racconto ha fatto emozionare anche il resto della troupe, ma vediamo cosa è successo.

Potrebbe interessarti anche >>Cosa succederà dopo la morte della Regina Elisabetta: il presagio che scuote la Royal Family

Valentina Persia si sfoga con Ilary, il dolore per la lontananza dai figli emoziona tutti

Valentina Persia durante lo sfogo
Valentina Persia durante lo sfogo (Instagram)

La notte è il momento più brutto” ha spiegato la comica Valentina Persia ad Ilary Blasi durante la puntata di ieri sera. Il suo pensiero durante le ore notturne va ai suoi due bambini. “Sono diventata mamma quando ero già grande, avevevo 43 anni” ha spiegato Valentina.

Vengo da una brutta esperienza post- parto. Sono andata in depressione perché non mi sentivo di avere le forze per crescere due bambini, con la stanchezza avevo paura di non farcela” ha confessato la donna.

La comica ha spiegato ad Ilary tra le lacrime che ha scelto quest’esperienza perché è il suo lavoro, non solo per lei ma soprattutto per i suoi bambini. “Mi avevano raccontato che si sarebbero addormentati con i cuscini che avevo disegnato io, ecco perché la notte è il momento più brutto. Quando siamo tutti intorno al falò ho paura di potergli far mancare qualcosa e mi sento in colpa“.

Infine manda un ringraziamento alla madre di 86 anni, “La voglio ringraziare perché mi ha permesso di fare questa esperienza“, così conclude lo sfogo la donna.