Michelle Hunziker e il momento più buio della sua vita

Michelle Hunzicher compie gli anni  e in questa occasione vogliamo ricordare la sua esperienza come membro di una setta e come è riuscita ad uscirne.

Michelle Hunzicher setta
Michelle Hunzicher – Fonte: Getty Images

La bella Michelle Hunziker compie 44 anni ed oggi è un’affermata donna di spettacolo, felicemente sposata e madre di tre figlie. Il suo sorriso e la sua risata sono contagiose e in tutti i lavori televisivi si distingue per la propria simpatia. Ma non è sempre stato così: c’è stato un periodo davvero buio nella sua vita, in cui la Hunziker si trovava all’interno di una setta. Anni dopo la sua terribile esperienza Michelle ha deciso di raccontare l’accaduto, su cui ha scritto anche un libro uscito nel 2017.

LEGGI ANCHE >> Chiara Ferragni, il video con Leone fa il pieno di like: che supereroi! – VIDEO

L’incontro con la maga

Tutto inizia quando la Hunzicher, appena ventiduenne, inizia a soffrire di alopecia; non riuscendo a trovare una soluzione nonostante le visite, a causa della precoce perdita di capelli, decide di rivolgersi ad una pranoterapeuta di nome Clelia, presentatagli dal suo manager.  La giovane Michelle inizia ad aprirsi e confessa a Clelia cose del suo passato di cui non aveva mai parlato, come la sua infanzia difficile a causa de padre alcolizzato. Dopo appena due incontri il problema di alopecia comincia a regredire e la Hunzicher acquista sempre più fiducia in questa donna.

Il vuoto intorno

Michelle Hunzicher setta
Eros Ramazzotti e Michelle Hunzicher – Fonte: Getty Images

Quando Michelle, grazie al consiglio di Clelia, riesce a recuperare un rapporto con suo padre, il legame che ormai ha con questa donna è incrollabile. Ma più si avvicina a lei e più si allontana da tutti gli altri, in particolare dal marito Eros Ramazzotti. Clelia pian piano, grazie anche alla figura pubblica della Hunzicher, recluta sempre più persone, con cui pratica le sue pranoterapie e comincia a creare una vera e propria setta. Il suo atteggiamento cambia e comincia a far leva sulle debolezze di Michelle per tenerla sempre più stretta a sè. La Hunzicher rimane sempre più sola; il suo matrimonio entra in crisi e finisce quando Eros la mette di fronte ad una scelta: o me o la setta.

Il percorso spirituale

Da semplici sedute di pranoterapia gli appuntamenti con Clelia passano ad essere un percorso di purificazione dell’anima: tutto ciò che è negativo per le energie deve essere allontanato, si deve seguire un regime alimentare preciso e praticare l’astinenza sessuale. In questo momento di grande fragilità, la maga passa a prendere il controllo dell’intera vita di Michelle. Attraverso il ricatto morale la costringe a fare quello che vuole e la punisce se non rispetta le regole.

Clelia convince anche Michelle ad aprire e finanziare una società di artisti e persone del mondo dello spettacolo appartanenti al suo giro. La Hunzicher intanto, totalmente isolata dal resto del mondo, inizia a frequentare il figlio di Clelia, Giovanni. Non si rende conto però, che si tratta solo di uno stratagemma con cui Clelia e la sua famiglia vogliono controllarla ancora di più.

LEGGI ANCHE >> Sanremo 2021, Amadeus annuncia la decisione DEFINITIVA: che SORPRESA!

La fine dell’incubo

È solo grazie all’amore per la figlia Aurora che Michelle riesce ad uscire dalla setta. In un momento di gioco con la madre, Aurora, pronuncia queste parole: “Non gioco con te. Rivoglio la mia mamma bionda e sorridente.” La frase è un fulmine a ciel sereno per Michelle che comincia a rendersi conto che le cose non stanno andando come dovrebbero. Inizia pian piano a dubitare delle storie che gli propongono.

La Hunzicher poi finge di flirtare con la nuova guida spirituale, il partner di Clelia e scoppia un caso all’interno del gruppo. In seguito, grazie all’incoraggiamento di una ragazza, l’adetta stampa della setta stessa, decide di uscirne, nel 2005. Finalmente libera, Michelle riprende in mano la sua vita, non senza qualche difficoltà: nei tre anni successivi ha sofferto di attacchi di panico.

Impostazioni privacy