Non va dal dentista per paura del Covid: la scelta le è fatale

Una giovane inglese ha assunto troppi antidolorifici per paura di andare dal dentista e contrarre il Covid. Ma è stata trovata ormai senza vita.

Foto: Pixabay

Andare dal dentista rappresenta certamente uno dei momenti più temuti da molti, anche da chi ormai non è più bambino da un pezzo. Anzi questa paura spesso spinge a rimandare i controlli di routine e a presentarsi in studio solo quando il dolore non è più sostenibile. Non a caso, fino a che se ne ha la possibilità molti provano a “tamponare” il problema con gli antidolorifici, anche se quello ovviamente aiuta solo momentaneamente e c’è il rischio che il male si ripresenti a breve.

Un modo di agire che è stato portato avanti a breve anche da Alexandria Pierce-Baddeley, 29 anni inglese, ma che si è alla fine rivelato per lei fatale. La giovane, infatti, era spaventata per un duplice motivo: non solo l’intervento che il dottore avrebbe dovuto fare su di lei, ma anche la preoccupazione che questo potesse portarla a contrarre il Covid-19 a causa della distanza ravvicinata con il medico.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti – Covid, controlli e operazioni rimandate: lo scenario allarmante

Niente dentista per paura del Covid: la tragica conseguenza della scelta

La ragazza ormai da troppo tempo aveva però male a un dente e ha così deciso di muoversi in maniera alternativa. Nel momento in cui le è comparso un ascesso, che sarebbe comunque stato risolvibile nell’arco di pochi giorni, ha deciso di prendere una dose massiccia di anti dolorifici sperando che questo potesse bastare a eliminare il gonfiore.

Potrebbe interessarti – Covid-19: variante inglese anche a Pechino, cosa sta succedento

In realtà, Alexandria non ha badato particolarmente alle dosi senza rendersi conto delle conseguenze che questo suo comportamento avrebbe potuto generare. Un modo di agire che lei ha però nascosto a tutti: la 29enne è stata infatti trovata senza vita nel suo letto a Winsford, in Inghilterra. In un primo momento sembrava però difficile che tutto fosse legato all’utilizzo dei medicinali. Non a caso, tra le ipotesi che sono state fatte al momento della scoperta del corpo c’era stato anche il suicidio. La giovane, che ha una figlia di nove anni, avrebbe inviato un messaggio al padre della piccola (i due si erano lasciati da poco) dicendogli di non essere sicura di andare avanti, ma lui non gli ha dato troppo peso visto che già in passato lei aveva avuto comportamenti simili.

 

Impostazioni privacy