Coronavirus, morte 13 suore in un convento: decine di casi in Italia

13 suore morte di Coronavirus in un convento a Detroit, anche in Italia si contano decine di casi: la strage silenziosa di cui nessuno parla.

(CC-BY-2.0)

Un convento fuori Detroit ha subito perdite devastanti a causa del Coronavirus. Tredici suore sono morte a causa della malattia e 17 risultano attualmente positive. Il calvario ha avuto inizio ormai diverse settimane fa. All’inizio della pandemia di Coronavirus a marzo, il Convento delle suore feliciane a Livonia, nel Michigan, ha implementato una regola sulle visite, già ampiamente limitate, limitando anche le attività del gruppo, secondo il Global Sisters Report. Ma il virus si è diffuso rapidamente nell convento ad aprile.

Leggi anche –> Gorizia, ragazzino morto nel pozzo: “Come Alfredino Rampi”

La strage silenziosa delle suore morte di Coronavirus

In totale, 13 sorelle sono morte per COVID-19, con una decina di morti in un solo mese. La prima morte è stata quella di una suora di 99 anni e avvenne il Venerdì Santo. La vittima più giovane aveva 69 anni. La 13a sorella inizialmente sopravvisse al virus ma morì per i suoi effetti a giugno. “Ci rattristiamo per ciascuna delle nostre sorelle che è morta durante la pandemia in tutta la provincia e apprezziamo molto tutti coloro che si uniscono in preghiera e ci sostengono in diversi modi”, ha affermato suor Mary Christopher Moore, Ministro provinciale della Provincia di Nostra Signora della Speranza.

Molte di coloro che sono sopravvissute al virus, in totale 17, soffrono ancora. “Alcune delle nostre sorelle che hanno avuto COVID-19 stanno lottando per riprendersi da una varietà di effetti, tra cui debolezza persistente, problemi respiratori e altro”, spiegano dal convento, che ospita circa 50 suore. Non si tratta di un caso unico: anche in Italia l’elenco è molto lungo. Emersero a inizio pandemia diversi episodi: ricordiamo ad esempio le 13 Poverelle dell’Istituto Palazzolo di Bergamo, le 8 missionarie Comboniane nella loro Casa di Bergamo, le 7 suore Operaie della Santa Casa di Nazareth a Botticino, nel Bresciano, le 6 Orionine di Tortona, le 6 Maestre di Santa Dorotea a Castell’Arquato, nel Piacentino. A questi casi se ne devono aggiungere molti altri.

Leggi anche –> Aleppo, la cattedrale maronita restituita alla città e ai fedeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.